LA TENDINOPATIA CALCIFICA DELLA SPALLA

A cura del Dott. Fabrizio Matassi e FT Giulio Morvidoni.



Che cosa è?

La "tendinopatia o tendinite calcifica della spalla" è una patologia comune in cui depositi di calcio si formano nel contesto dei tendini della cuffia dei rotatori.
Le cellule tendinee si trasformano in cellule produttrici di calcio (metaplasia) formando della calcificazioni che sono localizzate lungo il decorso del tendine. La causa scatenante tuttavia non é ancora conosciuta e non é possibile prevenire la loro formazione.

Chi colpisce?

La tendinopatia calcifica è più frequente nei soggetti giovani adulti tra 35 e 50 anni di sesso femminile e dediti ad attività lavorative domestiche o sedentarie.

Come si manifesta? Qual'è la sua evoluzione?

La tendinopatia calcifica della spalla segue un suo ciclo evolutivo. Ad ogni fase di questo ciclo corrisponde un differente quadro clinico.

  • fase formativa, caratterizzata dalla formazione delle calcificazioni tendinee che può essere asintomatica o altrimenti determinare una sintomatologia algica subacuta in particolare notturna;
  • fase della quiscenza, in cui i depositi calcifici possono essere riscontrati occasionalmente e casualmente in quanto sono generalmente asintomatici e possono rimanere anche a lungo in questo stato
  • fase di riassorbimento, caratterizzata da un dolore acuto e penetrante localizzato in corrispondenza della faccia anteriore o laterale della spalla. Il dolore puo' essere presente anche a riposo e di notte e si aggrava con il sollevamento del braccio. Può essere talvolta accompagnato da febbre, causata dalla rottura della calcificazione nelle strutture circostanti con intensa reazione infiammatoria;

Dopo il riassorbimento della calcificazione lo spazio lasciato libero dal calcio viene occupato da fibroblasti immaturi e neoformazioni vasculari che danno inizio ad un processo di cicatrizzazione.

Quanto durano i sintomi?

La durata dei sintomi e la loro intensità è variabile a seconda della forma:

  • forma acuta: può durare da una a 5-6 settimane con un dolore molto intense che arreca importante disagio e impotenza funzionale.
  • forma cronica: può manifestarsi per molti mesi con dolore continuo, sordo, di intensità fissa. Questo dolore è nettamente inferiore a quello della forma acuta.
  • forma cronica-subentrante: caratterizzata da periodi di dolore e periodi di completo benessere con una durata minima di 1-2 mesi fino ad oltre 6 mesi.

Come si fa diagnosi?

I sintomi riferiti dal paziente sono il primo elemento che ci fa porre il sospetto di una tendinopatia calcifica. Il sospetto tuttavia deve essre confermato dal riscontro strumentale della calcificazioni che puo' avvenire mediante semplice esame radiografico oppure mediante una ecografia della spalla.

Come si tratta?

» Trattamento conservativo

Avendo la malattia un ciclo naturale che termina con la risoluzione spontanea il primo trattamento da mettere in atto è quello conservativo mediante fisioterapia e farmaci antidolorifici. La calcificazione è solo la parte finale di una Catena Cinetica alterata. Il Fisioterapista in sede di valutazione deve individuare le problematiche della spalla, della Catena Cinetica e del sistema Fasciale (Tessuto Connettivo).

Il trattamento conservativo prevede nella fase acuta esercizi di mobilizzazione passiva, Diatermia (Tecar) in Aatermia e solo per liberare la zona da contratture muscolari e prevenire la rigidità. Trattare senza evocare dolore per noi è un must che deve essere mantenuto.
Nella fase cronica o riabilitataiva si sottopone il paziente ad esercizi di rinforzo mirati ad ottenere un buon movimento scapolo-toracico ed Ultrasuoni e Laser Nd:Yag ad alta potenza per favorire l'assorbimento della calcificazione.

» Trattamento infiltrativo

Se con il trattamento conservativo non c'è stata una remissione dei sintomi vi può essere indicazione ad effettuare una/due infiltrazioni di un cortisonico in sub acromiale che dà spesso ottimi risultati.

» Trattamento interventistico

Nelle forme resistenti alla fisioterapia e agli anti-infiammatori, può essere indicato rimuovere il deposito calcifico mediante due metodiche.

  • Aspirazione ecoguidata: Mediante un'apparecchio ecografico si individua la calcificazione e attraverso due aghi introdotti per via transcutanea si lava la calcificazione e si aspira. La procedura viene effettuata in anestesia locale in ambiente ambulatoriale.
  • Trattamento artroscopico: Mediante una telecamera a fibre ottiche introdotta attraverso alcuni fori praticati attorno alla spalla, si asporta la calcificazione. La procedura viene effettuata in anestesia generale o blocco periferico in regime di ricovero.
3/12/2017